«Il giudizio» del Beato Angelico potrebbe tornare a Leonforte

Leonforte. Si ritorna a parlare de «Il Giudizio Universale», trittico del “˜500 del Beato Angelico, allocato sino al 1912 nella chiesa dei Cappuccini di Leonforte, di cui da decenni non si sapeva quale destinazione avesse avuto e soltanto un annuncio di asta pubblica di «Christie’s» l’ha fatto uscire dall’oblà¬o in cui era caduto. Poiché, adesso, è di proprietà  di un collezionista romano, dove sono andati, invitati, a vederla il sindaco di Leonforte, Pino Bonanno, altri amministratori e una rappresentanza dell’Università  Popolare, con i proff. Nigrelli, Barbera e Giovanna Maria, non per acquistarla ma per permettere ai leonfortesi di rivederla. Allocata nel Convento dei Cappuccini di Leonforte sino al 1912, poi legalmente dal 1970 e sino al 1975, per volontà  della famiglia Li Destri che l’ha trasferita al Castello Ursino di Catania, quindi ci sono stati degli incontri telefonici che vedono il romano Marano disposto – sia pure in forma provvisoria, in quanto, per il suo indefinito valore non si può parlare di comprarla – a riportarla a Leonforte. Molti anni fa erano stati i Cappuccini Padre Cesare Montalto e Padre Nino Lombardo di Leonforte a denunciare ufficialmente che il Trittico, alto metri 1,30 e largo metri 1,20, non era più all’interno del loro Convento e si veniva a sapere che i Li Destri l’avevano trasferito al Castello Ursino, bloccando il pericolo di espatrio, fino all’acquisto da parte del collezionista romano, avvenuto nel 1990. Quindi, non ci sono misteri sulla regolarità  dei movimento de “Il Giudizio Universale”, ma adesso c’è la voglia di ripristinare una situazione che consenta di non perdere del tutto l’opera. Il sindaco Pino Bonanno dice: «Assieme all’architetto Fulvia Caffo, dirigente delle Sopraintendenza di Enna, faremo in maniera di realizzare questo storico e artistico evento con una delle opere importanti di Leonforte, oltre alla “Elezione di Mattia ad apostolo” del pittore Pietro Novelli».
Carmelo Pontorno da La Sicilia del 15/05/2011

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *