Bucatini con crema di fave di Leonforte e maggiorana

Ingredienti (approssimativi)

1/2 kg di fave di Leonforte

metà  di un mazzetto di maggiorana

un trito fatto con carote-sedano-cipolla bianca-prezzemolo

5 pomodori pachino

1 scalogno

2 spicchi d’aglio fresco

olio extravergine d’oliva

brodo (più eventuale acqua)

pepe

sale

La prima cosa da fare è mettere in ammollo le fave per almeno 12 ore, usate una ciotola abbastanza grande perchè gonfiano parecchio. Il mattino dopo fare un soffritto con lo scalogno e l’aglio, aggiungere gli altri sapori e le fave, coprendo il tutto con del brodo. Se avete fretta usate la pentola a pressione, io ho usato la pentolina in rame ed ho rabboccato di brodo per non lasciare mai a secco le fave che in cottura si ammorbidiscono. Ho preferito questo metodo anziché alla classica bollitura per non disperdere il gusto delle fave che in questa maniera rimane molto più intenso, in pratica è a mezzavia tra il risottato e lo stufato. Salare più o meno quando cominciano ad essere un po’ più morbide, aggiungere la maggiorana tritata fine e i pomodorini e proseguire la cottura fino a quando non vi sembrano cotte a puntino. Passare il minipimmer e ridurle in crema, senza insistere troppo, in modo tale che in mezzo alla crema rimanga qualche frammento di fava e pomodoro. Aggiustare aggiungendo eventuale sale e aggiungere il pepe nel piatto. La prossima volta per ridurre i tempi, che per me sono stati grossomodo attorno all’ora, proverò a rifarla con la pentola a pressione perchè questa specie di salsa-crema-pesto mi ha soddisfatto parecchio.

Tratta da www.fiordisale.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *