Cacciato l’Assessore Sinatra, non era più compatibile.

Leonforte – Il sindaco Pino Bonanno ha cacciato l’assessore alla Solidarietà sociale del Comune Francesco Sinatra. Approda in giunta la crisi politica del PD leonfortese, da cui quattordici dirigenti si sono dimessi dal direttivo, pur restando all’interno del partito di Bersani. E per la prima volta da tre anni a questa parte il sindaco Pino Bonanno, a capo di una giunta monocolore che nel corso della legislatura ha perso pezzi, sino a diventare minoranza in consiglio comunale, è stato costretto a revocare un assessore. “Sinatra era diventato non compatibile, a seguito della posizioni politiche assunte, perché facente parte dei 14 che hanno lasciato il direttivo – dice il primo cittadino -. Un gruppo dirigente che abbandona l’organismo direttivo si pone in contrapposizione con la giunta. La nostra è un’amministrazione politica”. Il tema poi passa alla questione del PD. “Un assessore fa parte di un organismo politico – conclude – e se si tira fuori denota una non condivisione che mette a disagio tutti gli altri. Ognuno è libero di manifestare le proprie posizioni, ma mi sarei aspettato che dopo quella lettera chiarisse la posizione o prendesse una posizione direttamente lui. Io mi adopererò per l’unità del partito”. Dal canto suo, l’assessore Sinatra si dice “amareggiato, ma sempre coerente” con le sue “idee politiche” e annuncia che replicherà poi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:

Collegati -Area Riservata - Invia Articolo