Culto e festa della Madonna una storia lunga 200 anni

madonnadelcarmeloDal 1771, a Leonforte, il Ferragosto coincide con i festeggiamenti in onore di Maria SS. del Carmelo, Patrona del paese, evento legato all’omonima Chiesa della Madonna che si trova accanto alla Granfonte. Ne parliamo con Giovanna Maria, una studiosa.
“Il culto de la “Bedda Matri di Lu Carminu” ““ racconta la Maria – nel nostro territorio è antecedente alla fondazione di Leonforte, perché è legato all’antica Chiesa della Madonna. Edificata strategicamente vicino alla sorgente del fiume Crisa, nella chiesa officiavano i padri Carmelitani Scalzi che, sin dal 1422, avevano il loro convento ad Assoro e che curavano, in particolare, il culto dell’ “abitino” della Madonna del Carmelo, diffuso nella Chiesa dal generale del loro ordine San Simone Stock. Al quale, il 16 luglio 1251, la Madonna era apparsa sul monte Carmelo. ad Haifa, in Terrasanta, assicurando la salvezza eterna per tutti coloro che avessero portato l’abitino con devozione”.
La storia?
“Il principe fondatore Nicolò Placido Branciforti, quando attorno al 1610 decise di fondare Leonforte, trovò questo culto a Maria del Carmelo molto ben radicato nel territorio e volle mantenerlo vivo, anche quando nella Chiesa della Madonna ai Carmelitani subentrarono i padri Francescani del Terz’ordine che continuarono a curare la celebrazione festiva del 16 luglio. Il 17 settembre 1771, su interessamento di un Comitato cittadino, la Madonna del Carmelo fu dichiarata Patrona di Leonforte, quale liberatrice dal morbo della peste per un presunto miracolo, avvenuto nel 1625, allorché l’acqua benedetta dell’acquasantiera si allontanò dal centro, lasciandovi all’asciutto una pietra che, intrisa della materia del bubbone della peste, dolosamente vi era stata posta per diffondere l’epidemia in occasione della festa”. Da quel 1771, clero, amministratori, comitato e popolo si prodigarono affinché, annualmente, la festa assumesse sempre più carattere solenne e, infatti, fu spostata nella Matrice”.
Carmelo Pontorno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *