Gemellaggio con Malnate

{limage}S_Giuseppe_malnate.jpg{/limage}
Leonforte.
c.p.) Ci sono almeno 1.300 leonfortesi in quel di Malnate (Va) e una loro rappresentanza ha incontrato il sindaco Pino Bonanno e il suo vice Uccio Muratore, per riallacciare quel “cordone ombelicale”, “tagliato” parecchi anni fa, e proporre il gemellaggio con Leonforte, ricordando che nel varesino vengono mantenute certe importanti tradizioni, come, ad esempio, le famose “tavolate” di San Giuseppe. Al cuore non si comanda e questo gruppo di leonfortesi emigrati a Malnate, hanno voluto rivedere i loro parenti, gli amici, per raccontare le loro esperienze e, in particolare, il mantenimento di certe tradizioni. “Facciano, signor sindaco, le “tavolate” di San Giuseppe, lavorando e coinvolgendo tantissimi altri concittadini leonfortesi, provenienti anche dall’estero, per rivivere quei momenti che molti di non hanno e non possono dimenticare. E ricordiamo che il nostro altare viene regolarmente benedetto dal Vescovo di Milano”. Accompagnati da Angelo Scardilla, portavoce del gruppo, il quale ha parlato del coinvolgimento del Gruppo Folklorico Granfonte di Leonforte, è stata chiesto di potere avviare la pratica del gemellaggio e il sindaco Pino Bonanno ha detto che “L’amministrazione comunale ha sempre dimostrato sensibilità  di fronte agli emigrati leonfortesi”. Soddisfatte si sono dichiarate le famiglie di Carmelo Sanfilippo, Antonino Cangeri, Salvatore Chiavetta, Angelo Trovato, Angelo Ilardi, Salvatore Millauro e Giacomo La Scala, con le piccole Veronika ed Elisa, che fanno parte del Circolo San Giuseppe di Malnate, presieduto da Salvatore Bruno. Entusiasti, per l’incontro nella sala consiliare, si sono congedati dal sindaco e dal vice sindaco restando in attesa di rinsaldare i rapporti, magari con il gemellaggio.

Visualizza le foto della festa di S.Giuseppe a Malnate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *