IL ventennale del gemellaggio con Paranà 

Quest’anno ricorre il ventennale del gemellaggio tra le città  di Leonforte e Paranà  (Argentina). Ideatore e animatore dell’evento fu il compianto prof. Salvatore Rindone il quale si avvalse di tutta la sua cultura e impegno civile per far accettare la sua proposta. L’idea trovò terreno fertile nell’amministrazione comunale del tempo che mise in atto tutti gli adempimenti affinché l’iniziativa approdasse in porto.Dopo varie vicissitudini, nel gennaio del 1991, alla presenza di una folta delegazione leonfortese e delle autorità  della città  argentina, i sindaci Giuseppe Bonanno e Mario Moine firmarono la convenzione di gemellaggio fra le due città . La “Carta di Paranà “, oltre ai principi generali di fratellanza e di solidarietà , prevede: scambi culturali, viaggi organizzati fra le due città , aiuti per il rientro temporaneo o definitivo dei leonfortesi espatriati, organizzazione di mostre, fiere, convegni e dibattiti in entrambe le città  e lo scambio costante di comunicazioni.Ad oggi del gemellaggio, oltre agli atti formali, non rimane che una Piazza Leonforte nel quartiere Racamora di Paranà , un libro scritto dal prof. Rindone che celebra l’avvenimento, vari libri di autori leonfortesi nelle biblioteche di Paranà , due borse di studio per studenti italo-argentini e un costante rapporto di comunicazione alimentato dall’azione della Famiglia siciliana di Paranà , del Giornale di Leonforte e dell’impegno della professoressa Laura Moro Rigoni, vera anima del gemellaggio dopo la dipartita del prof. Rindone. Per l’anniversario della firma del gemellaggio, la Famiglia siciliana di Paranà  ha organizzato una serie di attività  che hanno avuto il loro culmine con l’organizzazione di un convegno sulla “Carta di Paranà “ che si è concluso con lettura del messaggio del sindaco di Leonforte Bonanno che, fra l’altro, recita: “”¦ rinnovo l’impegno nel mantenere vivo e anzi sviluppare quanto sottoscritto, rinviando ad un momento successivo la programmazione di iniziative concrete che possano interessare i nostri comuni”.La comunità  leonfortese di Paranà  spera che questi impegni siano mantenuti e che il gemellaggio si compia in tutti i suoi aspetti e ciò per mantenere vivo il legame con la loro terra d’origine.

Enzo Barbera

Fonte: dedalomultimedia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *