Incontro tra Giunta Bonanno e amministratori svizzeri

head_left1Leonforte. La cittadina svizzera Laufenburg, riporta alla mente i tanti leonfortesi che vi hanno lavorato e vi lavorano e, quasi grati e sensibili al ruolo svolto in quella terra, il sindaco di quella città , Ruedi Lùscher, a capo di una nutrita delegazione, è arrivato a Leonforte, per incontrare il sindaco Pino Bonanno e gli assessori e visitare i luoghi più significativi di Leonforte.
Per la cronaca, gli ospiti svizzeri sono stati accolti dal vicesindaco Uccio Muratore e dagli assessori Concetta Salerno e Angelo Castrogiovanni che hanno fatto gli onori di casa e bisogna dire che alla buona riuscita della visita hanno contribuito le brave collaboratrici volontarie della Pro Loco Alessia Muratore e Daniela Baglieri e lo storico leonfortese Enzo Barbera. Naturalmente, il clou dell’evento è stato l’incontro avvenuto in Municipio, nel corso del quale ci sono stati gli scambi dei doni e il sindaco Bonanno ha consegnato al suo collega Lùscher una targa ricordo con un messaggio significativo di fratellanza fra le due cittadine. Le due cittadine sono legate dal fatto che dal dopoguerra in poi centinaia di leonfortesi sono emigrati nella cittadina svizzera, integrandosi magnificamente con quella realtà . La testimonianza vivente di questa integrazione, è il cittadino leonfortese Vincenzo Barbera che è stato presente all’incontro è ha voluto salutare nella loro lingua quelli che lui ancora considera i suoi fratelli svizzeri.
Lungo corso Umberto i momenti più salienti dell’incontro, con le visite ai circoli degli Operai e di Compagnia e il contatto con tanti leonfortesi. In futuro la visita sarà  ricambiata e il vice sindaco Uccio Muratore ha detto: “In dono porteremo i nostri prodotti tipici: pesche, fave e lenticchie nere”. Il sindaco Bonanno, infine, ricordando che anche lui è figlio di emigranti, ha promesso che si attiverà  per allacciare rapporti più forti e intensi di amicizia fra le cittadine di Laufenburg e Leonforte.
Carmelo Pontorno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *