La Leonfortese ingaggia Di Pasqua

dipasquaangelo“Angelo Di Pasqua, è nostro”, annuncia il ds Gaetano Gulisano. La Leonfortese, che parteciperà  al campionato di Prima categoria, difatti rafforza ulteriormente la “rosa” dei suoi giocatori e mira decisamente al salto in Promozione.
A vestire la maglia biancoverde, come accennato prima, ecco il sangiorgese Angelo Di Pasqua, classe 1988, proveniente dall’Agira Nissoria, il quale va a rendere più competitivo il reparto di sinistra della squadra leonfortese, affidata al tecnico etneo Gioacchino Borzà¬.
«Si – inforna il ds Gaetano Gulisano – abbiamo tesserato il laterale sinistro di Pasqua, un giocatore di buona esperienza, per avere militato in Promozione e che certamente si renderà  utile alla causa della Leonfortese».
Ci sono altri probabili acquisti?
«Contiamo di chiudere anche per il difensore ennese Salvatore Balsamo – aggiunge Borzଠ– per completare il reparto difensivo e giocarci le nostre carte nella stagione che andiamo ad affrontare, naturalmente con il preciso intento di fare il salto di categoria».
Questi due giocatori vanno ad aggiungersi ai nuovi acquisti della nuova dirigenza, presieduta da Francesco Buono, che rispondono al nome di La Ferrara, Lo Moro, Inveninato, Sferrazza, Trecarichi, Bellomo, Russo, Gullotta. Ma anche ai cosiddetti vecchi che rispondono al nome di La Puglia, Lattuga, Inguà¬, Barbera, Vaccalluzzo, i fratelli Antonio e Giuseppe Mannarà , Lo Grasso “lupetto”, Screpis, Paviano, Adamo, Calderone, Mulè, Arpidone, Stanzù, Proto.
Ecco perché la prima cosa da fare è quella di sfoltire la “rosa” biancoverde, per mettere il tecnico Borzଠin condizione di lavorare serenamente, poiché i dualismi spesso “inquinano” lo spogliatoio.
«In effetti, la preparazione che stiano conducendo – dice il ds Gaetano Gulisano – sta servendo anche a renderci conto degli uomini a disposizione e poi sarà  il tecnico Borzଠa scegliere i 20 ““ 24 giocatori che disputeranno il campionato di Prima categoria».
Ora, non resta che trarre qualche indicazione dal “Trofeo Cardaci” e dalla prima partita di Coppa Sicilia, per avere le idee più chiare.
Car. pon.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *