Leonforte: Consiglio Comunale tra amarcord e profumo di novità . Ma oltre la siepe?

oltre la siepeLeonforte. E’ stato un consiglio comunale quasi commovente, all’insegna dei ricordi e dei buoni auspici per il futuro, quello di martedଠpomeriggio con la surroga del consigliere dimissionario Angelo Leonforte, giuramento del neo consigliere Angelo Cremona con tanto di convalida e surroga dopo verifica di condizioni di ineleggibilità  e incompatibilità  dello stesso.
Nel suo primo intervento Angelo Cremona ha espresso immenso piacere di tornare in aula, ha ringraziato gli elettori, l’Assessore Leonforte, tutti i consiglieri che hanno votato il bilancio di previsione 2014 perché hanno cosଠevitato lo squilibrio dell’ente e ha porto da cittadino leonfortese, un ringraziamento particolare ai colleghi del PD che con il loro voto hanno evitato il dissesto. Immancabile un momento di amarcord “Sono sempre stato, e sempre sarò un uomo di sinistra, ho sempre votato il Partito Democratico e lo continuerò a votare. Ci sono state alcune scelte che hanno portato me ed atri componenti della lista dove mi sono speso, che a livello amministrativo abbiamo fatto delle scelte diverse, ma questo è riconducibile esclusivamente a delle situazioni di disaccordo con l’allora dirigenza del partito”. Il consigliere ha poi espresso ammirazione per i colleghi spesisi a difesa dell’ospedale e ha ribadito in ultimo che tornerà  a lavorare sulla problematica della localizzazione delle antenne e, su quella del commissariato di polizia.
A infrangere la rilassata e quasi sonnolenta atmosfera, ci ha pensato il consigliere Ghirlanda di Progettare Futuro esprimendo delle criticità , come il continuo cambiamento del senso di marcia della Via Laneri che sta provocando disagi e confusione nei cittadini, una “barzelletta” l’ha definita il consigliere che, sulla recente adesione al MEPA dell’amministrazione per la fornitura di telefonia mobile, ha parlato invece di “scoperta di acqua calda”. E ha posto al sindaco la rinnovata e fatidica domanda “Sindaco perché non si dimette?”.
Il dibattito si fa nuovamente politico con la discussione delle dimissioni da assessore, del consigliere Antonino La Delfa. Primo ad intervenire il Sindaco Francesco Sinatra che lo ha ringraziato per aver operato con correttezza, impegno e spirito di collaborazione nei sui sedici mesi di mandato, e ha porto gli auguri ai due nuovi assessori e al nuovo consigliere, rimarcando la difficile situazione della comunità  nella quale, diverse categorie lavorative vivono il disagio dell’incertezza degli stipendi e del lavoro stesso. Anche situazione dell’ ospedale FBC non lo fa sentire vittorioso “Non è stata vinta una battaglia, ritengo invece che abbiamo avuto un altro alito di speranza per continuare a farlo ma quello che è venuto fuori dalla risoluzione ci pone in una situazione di allerta massima perché ci si prospetta una valutazione da qui ai prossimi 6 mesi che ci vedrà  particolarmente impegnati nel dimostrare che il nostro ospedale vale”
Gli assessori Leonforte e Zito, dal canto loro, si sono detti pronti a spendersi al massimo per la comunità  e a mettere a disposizione le proprie competenze e capacità 
Il consigliere La Delfa, con drammatico pathos ha espletato le motivazioni della sua scelta con dure affermazioni come “questa politica non avrebbe mai guardato ai risultati ottenuti dagli assessori ma garantito assessori”. Grillo ha definito tutta la discussione un bla bla bla e ha mostrato amarezza verso il “nuovo” in quanto non ha sinora sortito i risultati che si speravano. Cremona ha invocato il senso di responsabilità  e di non star a vedere le beghe che possono nascere da un intervento, ma di oltrepassare gli steccati politici che dividono e di guardare oltre la siepe.
Concluso il dibattito si è passati a corposi ordini del giorno come: l’ Approvazione del nuovo Regolamento dei Servizi Socio-Assistenziali; al riguardo Cremona ha fatto gentile richiesta ai colleghi che chi non fa parte della commissione venga comunque messo a conoscenza delle varie iniziative, magari con delle fotocopie, per ottimizzare il livello della discussione in consiglio. Mentre Grillo ha avuto un momento di amarcord facendo un excursus di quello che è stato l’evolversi del regolamento nel corso degli anni.
E’ stata poi approvata la variante al progetto per la realizzazione di loculi nel cimitero di Leonforte, e la rinegoziazione mutui con un emendamento .Sono stati nominati nelle persone di Salvatore Smario, Cristina Romano e Angelo Cremona, i componenti della Commissione Toponomastica.
Ritirato invece il punto riguardante l’approvazione piano di lottizzazione di c.da S. Elena per motivi tecnici.

Livia D’Alotto

Fonte: Vivienna.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *