Leonforte. Ferragosto tavachino

leonforter mecenate (2)Fra le rovine e gli splendori, fra le cuticchie e le basole si è tenuto mercoledଠsera “a spasso con Mecenate”: un percorso di cultura e gastronomia, organizzato dai family Bankers La Rocca, associazione entroterra, tabaccheria Cammarata e partecipato da pittori, artigiani, ballerini, cantanti, curiosi e nostalgici. Scendere alla Granfonte dalle scale e sotto gli archi, fra i vicoli impediti alle auto, col pericolo di rompersi un tacco è come essere fuori di sé e come tornare indietro nel tempo. Sedersi sui gradoni della chiesa a guardare il salice che si fa paniere, nelle mani esperte di chi ride dei giovani che non lo sanno fare, “mangiannusi na fava “˜ngridda”, è poesia.
La gente di Leonforte si è ripresa la sua identità  monumentale e fra chiacchiere e risate ha riscoperto il piacere di sentirsi comunità , in quel palcoscenico diffuso fra musica open air e arte che è il centro storico:un problema che si è fatto risorsa, per una volta. Fra le vanedde odorose di fichi e sugo, fra le assine scostate e le sedie impagliate si è passata una bella serata. leonforte tenda comuneL’estate al paese è cosà¬: teatro, spettacoli, musica e tende. Le tende dei rivoltosi, quelle blu e arancioni di chi non ci sta. “Vogliamo regolare la nostra posizione” dice la famiglia Monsù, che da parecchi giorni stazionano davanti al municipio reclamando la casa. “il 9 di settembre avrà  inizio il processo contro il comune di Leonforte e cosଠsi farà  luce su tutta questa vicenda” dice Katia ” non vogliamo elemosina. Vogliamo chiarezza”. Non dubiti la madonna che per la sua festa quest’anno ci saranno gli archi, le bancarelle, la musica e pure le tende, che molti ancora si ostinano a non vedere.
leonforter mecenate

Gabriella Grasso

Fonte: Vivienna.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *