Leonforte, lezioni di legalità  a scuola

Hanno incontrato i ragazzini della scuola elementare Nunzio Vaccalluzzo di Leonforte per parlare di legalità e del ruolo istituzionale dell’arma dei carabinieri. I militari della stazione di Leonforte diretti dal maresciallo Filippo Tumminelli, assieme ad una pattuglia del comando provinciale di Enna, hanno tenuto una lezione di legalità ai bambini del I circolo didattico elementare. […]

 

Hanno incontrato i ragazzini della scuola elementare Nunzio Vaccalluzzo di Leonforte per parlare di legalità e del ruolo istituzionale dell’arma dei carabinieri. I militari della stazione di Leonforte diretti dal maresciallo Filippo Tumminelli, assieme ad una pattuglia del comando provinciale di Enna, hanno tenuto una lezione di legalità ai bambini del I circolo didattico elementare. Si tratta di un progetto scolastico che vede anche la collaborazione dell’associazione antiracket di Leonforte “Falcone e Borsellino” e delle insegnanti Oriana Timpanaro, Carolina Di Pasqua, Antonella Licciardo, Mariacarmela Barbera, Antonella Barbera, Franca La Magna, Maria Timpananro, Erminia Vasta, Angelo Castiglione e Antonino Licciardo. I ragazzini hanno partecipato vivamente all’iniziativa ponendo molte domande ai militari, affascinati dalle divise. Dopo il dibattito, accompagni dai loro insegnanti, sono scesi nel cortile della scuola per visionare una moderna e tecnologica autovettura in dotazione  all’arma dei carabinieri. “Indossare questa divisa è un grande orgoglio – ha detto il comandante della stazione di Leonforte Filippo Tumminelli – è importante aiutare il prossimo per essere sempre al servizio della collettività”. Il pomeriggio si è concluso con i ringraziamenti all’arma dei carabinieri e con la consegna di un disegno donato al maresciallo Tumminelli dal piccolo alunno artista Giuseppe Rindone raffigurante la patrona dei carabinieri. “I ragazzi hanno risposto molto bene all’iniziativa – ha commentato l’insegnante Antonella Licciardo – è importante sensibilizzare continuamente gli alunni”.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *