Leonforte. Metti una sera a cena con … Yaneth Waldman

Janeth Waldman (1)Leonforte. Il locale è piccolo e accogliente, i piatti eleganti e invitanti, gli amici ricchi di argomenti di cui parlare. A un certo punto, le parole di chi mi sta a fianco iniziano a confondersi con quelle dei vicini di tavolo che alternano italiano e spagnolo, e di tanto in tanto, la fragorosa risata di una signora dai capelli corti e sbarazzini ci interrompe, suscitando curiosità . E’ la Waldman mi sussurrano, un personaggio assai famoso in Colombia. Non resta che approfondire la conoscenza davanti a un bel bicchiere di vino.
Chi è Yaneth Waldman?
Sono attrice e conduttrice. Faccio un po’ di tutto, dalle commedie alle pellicole drammatiche come “La toma de la embajada” e “La ministra inmoral”,  faccio anche dei musical dove canto e ballo e dei programmi televisivi.
Come ha iniziato la sua carriera?
Facevo l’educatrice dell’infanzia per bambini con difficoltà  di apprendimento. E, circa 33 anni fa, fui invitata a un programma per bambini , le mie colleghe non vollero partecipare, io invece andai, e quello che feci nella puntata piacque, dopo fui ingaggiata per il  programma “Pequeà±os gigantes” dove lavorai per otto anni. Perciò ho lasciato l’insegnamento per iniziare un nuovo percorso di vita.
Mi dicono che lei è molto conosciuta per le telenovele
Ne ho fatte tante: “Los Reyes” che ha vinto numerosi premi, “Aquà­ no hay quien viva”, “Hermosa Nià±a”, “Sàºper Pà¡”, “Dulce Amor” e tante altre. Mi avevano anche proposto un ruolo per “Betty La Fea” ma avevo ricevuto contemporaneamente altre offerte per telenovele e non non ho potuto prendervi parte.
Lei è anche  conduttrice
Si, da un anno conduco il programma “Profesià³n hogar ” che va in onda ogni mattina, in diretta, e si rivolge a tutte quelle donne che stanno a casa e vogliono conoscere cose nuove su vari argomenti che vanno dalla cucina, al look, alla medicina. Un intrattenimento quanto più ampio possibile.
Janeth WaldmanIn un breve momento di pausa la  Waldman mi mostra fiera qualche video del suo programma dal  quale sprizza una simpatia e capacità  di coinvolgimento sullo stile di  Antonella Clerici, e l’altrettanta capacità  di spaziare da un argomento all’altro con equilibrio e ilarità  come la poliedrica Caterina Balivo. E’ quasi ora di andare..
E oltre alla televisione?
C’è il teatro,  ora sto facendo una stund-up comedy dal titolo “Yo naci’ para sufrir” . E’ la storia di una moglie che è stata con un uomo tutta la vita e quando lui la lascia, lei si vede stravolgere la vita; è una tragedia ma la gente ride a crepapelle.
Era già  stata in Sicilia?
No è la prima volta e solo per qualche giorno, qui a Leonforte, ma spero di vedere altri luoghi. La Sicilia è una terra bellissima, i siciliani sono grintosi e allegri. Mi piace tutto, le persone, la cucina, la gestualità , la viabilità , qui è a passo d’uomo.
E’ ora di chiudere. Lascio Yaneth con il sorriso straordinario che mi ha oramai contagiata, e la speranza di poterci rivedere di nuovo, magari proprio a Leonforte.

Livia D’Alotto

Fonte: Vivienna.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *