Leonforte. Sedie a perdere

leonforte ospedaleLeonforte. Sul sagrato della Annunziata si è tenuta giovedଠ27 agosto una tavola rotonda a tema: “Ospedale di Leonforte. Il diritto negato”. L’incontro è stato organizzato dal Forum delle Associazioni Familiari presieduto dalla dott. Prof. Crimଠe sono stati presenti il Vicepresidente nazionale di Federsanità  e presidente regionale Federsanità  Anci Sicilia Giovanni Iacono; il Sindaco di Leonforte, Francesco Sinatra; il Presidente del CC Floriana Romano e il Coordinatore del Comitato pro-salute Alfredo Vasta, che in toni e in modi diversi hanno riassunto i meriti della lotta comune per la salvaguardia del “nostro ospedale”. L’incontro avrebbe dovuto essere un momento di riflessione e non di ricerca delle responsabilità , avrebbe dovuto essere un momento di lode per chi, incontrando il Prefetto di Enna Fernando Guida, ha denunciato la mancata applicazione del decreto Balduzzi e l’assenza di figure, strumenti e farmaci per la cura e l’assistenza dell’ignaro che pensa all’F.B.C. come a un nosocomio e si ritrova perso in un antro scuro e tristissimo. Durante l’incontro si sono elencati i morti di “presunta” malasanità  e i miracolosi seppur radi salvataggi e si è ringraziato il sindaco per la targa, che quando ci sarà , ricorderà  Gabriella Gallo: vittima di un perverso sistema sociale, politico e anche sanitario. Il presidente del comitato pro salute ha, ricordando Gabriella Gallo, detto che la sua morte è stata causa della chiusura del reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale in questione: NON E’ VERO! La chiusura del reparto di ostetricia e ginecologia rientrava nel piano di riequilibrio della sanità  nazionale reso pubblico il 18.1.2011, sulla Gazzetta Ufficiale. L’ accordo, della Conferenza Unificata Stato-Regioni, riguardava le linee di indirizzo per la promozione ed il miglioramento della qualità , della sicurezza e dell’appropriatezza degli interventi assistenziali nel percorso nascita e per la riduzione del taglio cesareo. Il Governo e le Regioni fissavano in 10 punti l’impegno da attuarsi nel triennio 2010-12 in un programma nazionale di interventi che ridisegnavano il percorso nascita. Fra i 158 punti nascita sotto i 500 parti annui, risultava annoverato anche e già  da allora l’F.B.C. Falsità  e pettegolezzi sulla chiusura “per colpa della vittima” si sono sprecati nel tempo e troppo spesso si è speculato su quell’episodio doloroso. La famiglia da subito ha pensato che anche l’ attuazione del decreto spinse a operare in regime improprio e in una struttura carente e fortemente deficitaria, a scapito dei pazienti: era necessario innalzare i numeri annui per salvaguardare i posti degli operatori, nonostante le mancanze e le inadeguatezze strutturali. Il numero, che ha un nome e un cognome, arrivò con l’11 marzo del 2011e servଠa moltiplicare i necrologi. Se da un lato dunque si sperava nell’eroico salvataggio da sbandierare durante le passerelle preelettorali, che si sarebbero susseguite e a tutt’ora si susseguono, dall’altro si offrଠsull’altare dell’arroganza e del disprezzo per la vita un “caso” che ancora viene evocato demagogicamente e populistica. La famiglia Gallo invita gli organizzatori di simili eventi a ricordarsi i dati ufficiali sopra riportati perché la disinformazione è becera se involontaria, ma querelabile se perpetrata. In ultimo, la famiglia Gallo ancora oggi si rammarica per la inattuazione del decreto di chiusura, atto a salvaguardare mamme e figli, se quel decreto fosse stato applicato e non stiracchiato o interpretato o chiacchierato forse oggi, anzi certamente stante i dati processuali, Gabriella Gallo sarebbe una persona, una mamma e non una vittima.

Gabriella Grasso

Fonte: Vivienna.it

4 pensieri riguardo “Leonforte. Sedie a perdere

  • 23 ottobre 2016 in 07:05
    Permalink

    It has been a long time since I last saw these cobalt high heels in the blog ! So I’m happy to see them again because they are awesome and today, apart of a nice t-shirt, they are making your LOOK

    Risposta
  • 3 novembre 2016 in 11:48
    Permalink

    Que virgem o quê rapaziada, ela tava é querendo experimentar mais um roliço e ganhar dinheiro por isso, pena que não foi a minha senão eu pagava 1 real. hauhauhauhauha. Mas que ela é gostosa, ah se é. Abraços.

    Risposta
  • 5 novembre 2016 in 07:59
    Permalink

    Thanks Ellen, for the inaugural (and kind) comment to the inaugural post! Variedades is alive and well — we’ll be doing a show at the John Anson Ford Theater on September 28 that KCET will shoot for broadcast. Check back for updates. Saludos.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *