Leonforte: Sindaco Sinatra Piano di riequilibrio scelta obbligata

Francesco SinatraLeonforte. A pochi giorni dall’approvazione del piano di riequilibrio finanziario da parte del consiglio comunale, il sindaco Francesco Sinatra approfondisce la questione con ulteriori delucidazioni e chiarimenti – “L’avvio di procedura di riequilibrio che per legge deve concludersi entro 90gg con la sua approvazione definitiva o la bocciatura, evita gravi conseguenze, ai 55 precari per esempio: con il dissesto la loro spesa andrebbe ridotta del 50%, la proroga dei contratti per 3 anni legata alla stabilizzazione di almeno 1 di loro entro il 31 Dicembre di quest’anno sarebbe seriemente compromessa anzi impossibile con la conseguenza che l’Ente si vedrebbe privato di personale”. Uno dei motivi che ha tra l’altro indotto i consiglieri di opposizione a riflettere sulle conseguenze di un ipotetico dissesto”.
Il primo cittadino prosegue “Per non parlare dei fornitori a qualsiasi titolo che in caso di dissesto potrebbero ricevere solo il 60% di quanto gli spetta e aspettano da anni, perdendo non solo gli utili d’impresa ma anche le tasse e parte delle spese già  sostenute per garantire quanto gli era stato commissionato. In più bisognerebbe far fronte anche ai costi (non indifferenti) per il mantenimento della Commissione di Liquidazione nominata dal Ministero dell’Interno per il risanamento delle finanze comunali in modo tecnico senza tener conto di eventuali situazioni particolari e sociali che invece toccano la nostra Comunità “.
E ancora “il bivio a cui è stato messo di fronte il C.C. tra dissesto e Riequilibrio dettato dalla Corte dei Conti di Palermo è dato dalla mancanza di azioni correttive serie in merito alla requisitoria del Consuntivo 2011 prima e a quanto contestato per il consuntivo 2012, quindi allo scuro del disavanzo di € 1.810.000 del 2013″.
Sui tributi ha precisato che “Non è vero che aumenteranno i tributi locali perché quelli sono al massimo da anni e ci si sentiva dire sempre che soldi non ce ne erano. Si sono sospese tutte le spese per le festività , i servizi di trasporto urbano per gli anziani e i portatori di Handicap e nella sua totalità  l’assistenza economica anche per l’aggravante della mancanza dell’assistente sociale. E, voglio precisare che il piano di riequilibrio non è un obbiettivo del mio programma elettorale ma una scelta obbligata per chi ha un po’ di coscienza e vuole lasciare le cose un po’ meglio di come le ha trovate, sacrificando e molto la propria attività  politica appostando nei propri bilanci più di € 300.000 all’anno per risanare il Comune”.
E vista la mole delle cose da dire al riguardo, Sinatra non esclude la possibilità  di un contraddittorio sul tema.

Livia D’Alotto

Fonte: Vivienna.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *