Quando arrivಠil «Re del quiz»

mikebongiornoEra il 1972, quando il “Giro Mike” arrivò a Leonforte, per riempire l’intero rettangolo di gioco e le tribune del vecchio “Nino Carosia”, dove il “number one” della televisione italiana accentrò su di sé l’attenzione di migliaia di persone, arrivate anche dalle vicine Assoro, Nissoria, Agira, Regalbuto ed anche Nicosia. Di Mike Bongiorno, deceduto l’altro giorno, si scrive e si scriverà  ancora, ma a noi piace ricordare il particolare assai interessante che caratterizzò la sua presenza nel ristorante Wuppertal di via Picone di Leonforte, dove l’assessore del tempo, Saverio Greco, assieme al suo collega Nello Sciuto, aveva portato l’èquipe dell’italo-americano, per la cena che avrebbe preceduto lo spettacolo della serata. Uomo di montagna, tifoso della Juventus, quindi sportivo per antonomasia, Mike Bongiorno, dopo avere mangiato e bevuto senza limiti, preferendo la pasta con le sarde, i costicini di maiale, le famose pèsche leonfortesi e il vino bianco, volle osservare un momento di riposo, prima di chiedere espressamente: “Vorrei un piatto di spaghetti, ancora di quei meravigliosi costicini di maiale, del pane casereccio, delle pesche e una bottiglia di vino bianco”. Il silenzio, questa volta, fu osservato dagli altri commensali e, in particolare, del gestore del Wuppertal che, però, si adoperò in tutti i modi per soddisfare le esigenze del Mike nazionale, chiosando: “Accontentiamolo, anche se temo che lo spettacolo di stasera è a rischio”¦”. Forzando il termine, si potrebbe dire “falso”. Sà¬, perché Mike Bongiorno, che a quel tempo non aveva 85 anni, tenne il palco con assoluta disinvoltura. Da LA Sicilia del 10/09/09

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *