Riuscito concerto sinfonico lirico della Symphonic Band Asmul al chiostro dei Cappuccini di Leonforte

Organizzato dalle Unità  Pastorali Maria SS. Annunziata – San Giuseppe – Chiesa dei PP. Cappuccini di Leonforte e dall’Associazione Musicale Leonfortese, al chiostro del convento dei frati Cappuccini, con Ambra Algeri al pianoforte e la presenza straordinaria del tenore Gabriele Ferrigno e con un pubblico di amanti della bella musica, in omaggio a Maria SS. Assunta in cielo, la Symphonic Band Asmul di Leonforte ha eseguito un applauditissimo concerto sinfonico lirico  diretto con conclamata bravura tecnica dal maestro di sax tenore Giovanni Leonde.

Ha presentato la splendida serata musicale, con padronanza scenica, Pinella Crimଠda Leonforte, dott.ssa in Filosofia e Scienze Religiose.

Grazie al rettore del convento dei frati Cappuccini, sac. Santo D’Accorso, al parroco dell’unità  pastorale Maria SS. Annunziata – San Giuseppe, sac. Filippo Rubulotta e a Salvatore Algozino, responsabile dell’Ordine Francescano Secolare di Leonforte, il Chiostro dei Cappuccini, con gradimento dei leonfortesi, è ritornato ad essere palcoscenico di splendide serate all’insegna della musica e della cultura.

Il programma della serata ha visto l’esecuzione dei seguenti famosi brani musicali: L’Ave Maria di Franz Schubert, Intermezzo Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni, Panis Angelicus di César Franck, Ave Maria di Charles Gounod e Dolce Sentire di Riz Ortolani, con il bel canto del tenore Gabriele Ferrigno. E’ proseguito con il Valzer n.2 di Dmitrij DmitrieviC SostakoviC, eseguito alla grande dal Trio “Harmonicus” composto di Ambra Algeri al pianoforte, Gaetano Grimaldi al clarinetto e Gaetano Crimଠal flauto. Il concerto è continuato con Amarcord di Nino Rota, colonna sonora dell’omonimo film di Federico Fellini, Torna a Surriento di Ernesto De Curtis e I’ te vurria vasà  di Vincenzo Russo e Eduardo Di Capua, due delle più belle canzoni napoletane del secolo scorso, cantate dalla voce possente di Gabriele Ferrigno. Il concerto è andato avanti con Moment for Morricone, brani tratti dai film western di Ennio Morricone, con Paolo Cammarata e Roberto  Vaccalluzzo come tromba solista. Il programma musicale della magnifica serata è terminato con l’esecuzione  di Nessun Dorma  della Turandot di Giacomo Puccini, con  My Way di Claude Francois e Paul Anka, un classico del repertorio popolare americano, e, per finire, con Un amore cosଠgrande di Guido Maria Ferilli, cavallo di battaglia del tenore Andrea Boccelli, accompagnate dalla voce tenorile di Gabriele Ferrigno.

L’Organico della Symphonic Band Asmul, oltre ai già  citati musicisti, ha avuto come suoi bravi esecutori: al flauto, Gabriele Leanza; al clarinetto Sib, Fabrizio Leonde, Salvatore Oriti, Margaret Lauria, Carmelo Baialardo e Pietro Lombardo; al clarinetto contralto, Salvatore Treccarichi; al sax contralto, Fabio Rossino, Piersanti Laneri e Joel Novello; al sax tenore, Ernesto La Mantia; al corno Mib, Girolamo Marsiglione e Orazio Muttarrusso; al trombone, Benny Cimino; al flicorno tenore, Giuseppe Fasciana; al bombardino, Carmelo Pastaro e Angelo Minnà¬; al basso tuba, Pino Parisi e Paolo La Mantia; alle percussioni,Tony Cammarata, Giuseppe Debole e Giuseppe Oriti.

 Giuseppe Sammartino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *