Sindaco di Leonforte in sit in permanente a difesa dell’ospedale

bonanno-149x150Il Sindaco di Leonforte, Pino Bonanno, dalle 8.30 di oggi, ha iniziato una azione simbolica a difesa dell’ospedale Ferro-Branciforti-Capra di Leonforte avviando un sit in di protesta permanente ed a oltranza all’ingresso dell’Ospedale indossando la fascia tricolore. Nei giorni scorsi il Sindaco e il Consiglio Comunale di Leonforte insieme ai colleghi delle città  del comprensorio avevano richiesto un incontro all’Assessore regionale ala Sanità  ed al Presidente della Regione per ricevere chiarimenti e rassicurazioni sulla rimodulazione dell’Ospedale di Leonforte che seppure non condannato a chiudere i battenti rischia un forte e preoccupante ridimensionamento delle funzioni. Non avendo ricevuto nessuna risposta in merito, il Sindaco Bonanno ha deciso di avviare una protesta simbolica fintanto che le ragioni del suo territorio non verranno prese in considerazione.

Da La sicilia del 14/04/2010
Leonforte. «Resterò a presiedere l’ospedale per tutto il tempo che occorrerà  a fare sଠche non venga cancellato il ruolo che ha svolto nel tempo e svolge attualmente l’ospedale di Leonforte a favore di tantissima gente». Uno sfogo e una precisa presa di posizione, quella del sindaco di Leonforte, Pino Bonanno, il quale aggiunge: «Mi sono stancato di essere preso in giro, insieme dobbiamo fare capire che non siamo disposti ad accettare interventi di chi non conosce la realtà  dei 40 mila utenti del Distretto, ovvero di quanti hanno bisogno dell’ospedale “Fbc” di Leonforte, per curarsi o addirittura salvare la vita».
In questa iniziativa, presente il deputato regionale Paolo Colianni, componente della Commissione regionale alla Sanità , il primo cittadino leonfortese Bonanno che, in quanto tale, rappresenta la sanità  nel territorio, ha chiamato attorno a sé gli assessori, il presidente del Consiglio Massimiliano Trecarichi, i sindaci dei Comuni viciniori, Pino Capizzi e Filippo Buscemi, l’adesione degli altri colleghi, i consiglieri e quanti hanno a cuore le sorti del nosocomio e, implicitamente, degli abitanti di Leonforte, Assoro, Nissoria, Agira, Regalbuto e di altri centri che guardano al «Fbc» come punto di riferimento per la loro salute.
Il sindaco di Leonforte Pino BonannoNel suo intervento l’on. Paolo Colianni ha detto: «Vogliano che facciate delle proposte, più che delle proteste, in maniera tale che si pensi ad assicurare la salute alla gente, ma non a posti di privilegio ai singoli, e posso dirvi che Leonforte resta al centro della riforma della Sanità  nel territorio. Vogliano che venga rivisto il decreto regionale sulla sanità , che, al momento, ci penalizza fortemente, che non assicura niente a nessuno e non si capisce perché gli altri nosocomi, senza fare campanilismo, debbano avere tutto e quello di Leonforte ne debba pagare le conseguenze».
Poi, Bonanno, deciso a non lasciare la sua postazione, aggiunge: «Chiediamo pari dignità , non è possibile guardare sempre al proprio orticello e posso assicurare i cittadini dei 5 Comuni del Distretto Sanitario, e non solo, che non mi muoverò da questa postazione da qui sino a quando non avremo risultati concreti che passino, come ci è stato richiesto di presentare, da parte del deputato Paolo Colianni, attraverso la nostra proposta di rimodulazione. Ma vorremmo che il presidente Raffaele Lombardo si ricordasse della promessa fatta in periodo elettorale, quando ha affermato che questo “gioiello” (la struttura del “Fbc”, ndr) non può e non deve assolutamente chiudere».
Carmelo Pontorno

0 pensieri riguardo “Sindaco di Leonforte in sit in permanente a difesa dell’ospedale

  • 14 aprile 2010 in 15:17
    Permalink

    caro sindaco, questa è sicuramente un iniziativa lodevole, ma andava fatta a suo tempo, magari non firmando assieme agli altri sindaci l accettazione della rimodulazione proposta. adesso non credo serva a molto!

    Risposta
  • 14 aprile 2010 in 16:08
    Permalink

    Non vedo il motivo di questa protesta??? ormai quel che è fatto è fatto… tutte le promesse fatte in campagna elettorale come mai non sono state mantenute??? Tutti bravi siamo a parole…L OSPEDALE NON SI TOCCA… si è visto… Complimenti per l ottimo lavoro che fate e continuerete a fare…

    Risposta
  • 14 aprile 2010 in 19:11
    Permalink

    Capisco la vostra delusione, ma io credo che l azione del Sindaco sia efficace al fine di ottenere qualcosa, mi rammarica il fatto che mancano gli amministratori dei comuni interessati e che non sia stata dato più risalto ai media, ricordo che per il piccolo ospedale di Mazzarino ne parlo tutta l Italia e alla fine ottennero l ospedale. Caro Sindaco continua la tua battaglia e coinvolgi i tuoi cittadini.

    Risposta
  • 14 aprile 2010 in 21:59
    Permalink

    E bravo il nostro Sindaco E lodevole, ed apprezzabile l iniziativa, ma anzichè partile da solo, senza concludere niente, avrebbe dovuto muovere tutta le forze politiche, sociali, culturali, associazioni e fare rumore. Non ha avuto rispetto di tutti quelli che si sono messi a disposizione per fare una battaglia comune. “Na nuci n do saccu nun scrusci”- Certo gli serviva farsi vedere in difesa dell ospedale dopo che già lui stesso ha firmato per portarselo. Complimenti

    Risposta
  • 15 aprile 2010 in 01:19
    Permalink

    Purtroppo a Leonforte, ho capito che vi sono delle teste di Cazzo che nascondendosi dietro il vile anonimato non fanno altro che gettare pessimismo e tentare stupidamente di denigrare chi invece con ottimismo cerca di vivere con dignità ed a testa alta in una città dalle tante potenzialità ma con alcune teste di cazzo. Io mi ritengo tra gli ottimisti e sto a testa alta anche nella vita reale, Voi, teste di cazzo vivete pure la Vostra vita virtuale e anonima. uccio muratore,intendiamoci, è a favore delle critiche ma propositive!

    Risposta
  • 15 aprile 2010 in 01:55
    Permalink

    capisco tutte le diferenze di idee politiche ma oggi cè un problema che e ospedale di leonforte unite le forze per l ospedale e penzate che serve anche a noi che veniamo in ferie una volta l anno a leonforte,

    Risposta
  • 15 aprile 2010 in 09:03
    Permalink

    Voglio fare i complimenti a Uccio Muratore, per lo sfogo, comunque ritengo che chi preferisce vivere nell anonimato sia un inferiore. Viva l ottimismo e magari meno invidia. Saluti

    Risposta
  • 15 aprile 2010 in 19:14
    Permalink

    l ignavia e, duole dirlo, l ottusità di certi miei concittadini, ha saputo trasformare nel giro di un settantennio quello che era uno dei centri più industriosi e ricchi della Sicilia in un luogo di arretratezza e disagio economico-sociale. Non dovrebbe dunque sorprendere che l iniziativa di chi non si rassegna all ulteriore spoliazione della nostra povera cittadina infastidisca chi, invece, si crogiola nell inedia e nel disfattismo… coraggio Sindaco, i leonfortesi ancora fieri di esserlo sono con te!!!

    Risposta
  • 16 aprile 2010 in 13:08
    Permalink

    Caro come mai questo accanimento contro chi dice la verità?…testa di cazzo è chi non mantiene le promesse, chi ha illuso i cittadini per avere il voto per poi starsene a grattare le palle…no che la città ha delle potenzialità non di certo grazie e voi…Vi state vantando di cose che non avete fatto… vedi all inaugurazione dello stadio come si vantava il signor sindaco, il signor Buono (che ha messo i soldi) è di una umiltà pazzesca, e il signor sindaco faceva lo spavaldo… siete solo dei “mangia franchi” approfittatori… COSA AVETE FATTO DA QUANDO SETE AL COMUNE??? CHE FINE HANNO FATTO TUTTE LE BELLE PROMESSE??? La invito a prendere il volantino che distribuivate in campagna elettorale ed elencarmi cosa avete fatto di quello che c è scritto!!! Per intenderci la mia critica non è contro il partito, perché niente sarebbe cambiato se saliva la destra, io sono contro la mentalità di si candida per andare a fare la bella vita al comune, sono contro di chi va al comune a timbrare e poi esce a farsi i fatti propri.. sono contro tutto ciò che è sbagliato… voi dovreste dare l esempio…

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *