Viabilità  territorio Leonforte. Protesta il Sindaco

E’ oramai sotto gli occhi di tutti lo stato della viabilità  nel territorio del comune di Leonforte a causa di continui smottamenti e frane dovute, sicuramente alla eccezionale piovosità  che ha caratterizzato gli ultimi due anni, ma soprattutto al dissesto idrogeologico del territorio per mancanza di interventi periodici e strutturali finalizzati alla prevenzione di tali […]

E’ oramai sotto gli occhi di tutti lo stato della viabilità  nel territorio del comune di Leonforte a causa di continui smottamenti e frane dovute, sicuramente alla eccezionale piovosità  che ha caratterizzato gli ultimi due anni, ma soprattutto al dissesto idrogeologico del territorio per mancanza di interventi periodici e strutturali finalizzati alla prevenzione di tali eventi”. Questa l’amara constatazione dle primo cittadino leonfortese, Pino Bonanno, che continua: “Oggi le due principali arterie statali ( SS 121 e SS 117) sono solo nominalmente denominate strade a causa dei cedimenti del terreno che formano gradoni ed interruzioni di notevole portata che mettono a rischio l’incolumità  di chi si trova a percorrerle e tanti lo fanno per recarsi al lavoro. In alcuni tratti della SS 121 si è ormai raggiunto un dislivello tale che fa presagire un crollo totale dell’asse stradale con il risultato della chiusura e della interruzione del collegamento tra la città , lo svincolo di Mulinello ed il capoluogo di provincia. Diverse sono state le sollecitazione rivolte all’Anas di Palermo per intervenire in maniera radicale ricevendo rassicurazioni per un appalto già  definito e quindi di un prossimo inizio dei lavori. In tale contesto sembra veramente offensivo ed irrazionale per la popolazione del territorio ipotizzare rimodulazioni di strutture ospedaliere data l’impossibilità , per quanto evidenziato, di poter trasportare un ammalato da una struttura sanitaria all’altra in assenza di reparti idonei sul luogo”.

Il Sindaco Bonanno, cosଠcome ha fatto presente al Presidente della Regione, della Provincia ed al Prefetto, continua: “Ma quello che è più preoccupante è lo stato delle strade provinciali che sono ormai diventate intransitabili a causa della assenza totale di interventi di manutenzione sia ordinaria che straordinaria per consentire a tanti cittadini ed operatori agricoli di raggiungere i vari casolari nelle campagne circostanti. Non passa giorno che non riceviamo comunicazioni di chiusura di una strada ed ormai sono tante ed importanti quelle del nostro territorio (Leonforte-Erbavusa, Pirato-Mulinello, Vignale-Pirato etc.). A tal proposito invito il Presidente della provincia ad attenzionare meglio di quanto è stato fatto fino ad ora la programmazione degli interventi in tutto il territorio della provincia per la sistemazione delle strade considerato che tra i circa 18 milioni di finanziamenti annunciati non un intervento è previsto nel territorio di Leonforte. Non vorrei che le sole iniziative fossero quelle di chiusura delle strade.
Altra dolente nota è la situazione delle strade di competenza comunale che portano i nostri concittadini nelle proprie campagne dove ancora con fatica sopravvivono aziende agricole e zootecniche importanti per l’economia locale. Le continue frane e i cedimenti di terreno hanno di fatto cancellato ogni traccia di viabilità . Di fronte a tale rappresentazione ben poca cosa sono i limitati e possibili interventi di una amministrazione locale per la situazione economico-finanziaria che grava e caratterizza oggi gli enti locali. E spesso si deve fare fronte con urgenza ad interventi di competenza di altri enti pubblici ( interventi nel fiume Crisa al posto del Genio Civile ).
Ecco perché sento il dovere di rivolgermi in particolare al Presidente della Regione per la promozione di una politica amministrativa e programmatica che ponga alla base del suo Governo il tema della viabilità  nella nostra regione ricercando e trovando quelle risorse necessarie, concertando ed aprendo necessariamente un tavolo di confronto con il Governo nazionale per la loro reperibilità . Mi creda non è retorico affermare che sicuramente il Ponte sullo Stretto è un’opera importante ed essenziale, ma che è ancora più importante garantire una viabilità  secondaria ed interna da paese civile. Non sfugge certamente a Lei che la questione della viabilità  sottintende tutta una serie di problematiche la cui soluzione porterebbe sicuramente vantaggi e garantirebbe uno sviluppo sociale ed economico a tutta la regione. Ecco un tema su cui vale la pena impegnarsi e nel quale troverà  sicuramente il sostegno di quanti quotidianamente si trovano a doversi confrontare con i propri amministrati”.

Posted: 2010-04-07 16:14:11

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *