Volatinaggio selvaggio a Leonforte interviene l’Assessore Grillo

Diventa ancora non sostenibile la situazione del volantinaggio a Leonforte, tantè che interviene con una lettera inviata agli operatori commerciali l’assessore allo Sviluppo Economico Salvatore Grillo

“Spiace dover osservare – interviene l’Assessore Grillo – come, ancora una volta, gli impegni presi dagli operatori commerciali siano stati del tutto disattesi.

Ci si riferisce, ancora una volta, alla sistematica ed evidentemente ineluttabile ripresa di un volantinaggio selvaggio che offre di se stesso uno spettacolo indecoroso e indegno di un consesso civile, laddove si è costretti a osservare cassette di posta traboccanti oltre ogni limite di messaggi pubblicitari multicolori o di vere e proprie mazzette di depliants che fuoriescono da ogni fessura dei portoni di accesso alle abitazioni.

La cittadinanza vive come un vero e proprio assedio questo continuo districarsi tra decine di foglietti per poter impossessarsi della corrispondenza o per poter entrare in casa propria.

L’ovvia conseguenza di tutto ciò, al di là  dell’indegno spettacolo e dei fastidi di cui s’è detto, è quella di dover convivere con migliaia di fastidiosi foglietti svolazzanti per le strade dove inevitabilmente poi finiscono i depliants rifiutati dagli irritati cittadini: se, infatti, grazie al senso civico di tanti leonfortesi, molti volantini (si ripete: rifiutati!) finiscono nei cestini, tantissimi altri finiscono inevitabilmente a terra, dove sono stati in pratica destinati dallo sconsiderato sistema di distribuzione di cui si è detto.

Ai sigg. operatori commerciali si vuole ricordare che diversi erano gli impegni assunti. Quando i sigg. operatori, nel lamentare un decremento delle vendite attribuendolo alla mancata distribuzione dei volantini, hanno reclamato il loro diritto alla gestione della promozione commerciale e preteso la revoca dell’Ordinanza che la vietava nei modi stigmatizzati, questa Amministrazione non ha esitato a venir loro incontro. Si chiedeva in cambio solo una gestione responsabile e accorta del sistema di distribuzione: gestione che è durata solo il tempo di un paio di promozioni di un qualche televisore o di una passata di pomodoro!

Poi, tutto è tornato come prima, peggio di prima.

Una tale situazione non è più sostenibile.

Si avverte pertanto che questa Amministrazione, qualora troverà  gli operatori commerciali ancora sordi alle esigenze di decoro e pulizia che solo un oculato volantinaggio potrà  determinare, non esiterà  a ripristinare l’Ordinanza di divieto, ritenendo tale scelta, oltre che doverosa, anche naturale in un’epoca che, per il perseguimento di una migliore sostenibilità  ambientale, vede ogni settore della società  civile impegnato nell’abbandono del cartaceo per ricorrere a tutti i nuovi sistemi di comunicazione offerti dalla moderna tecnologia.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *